Nelle nostre auto, sempre più moderne, tutti abbiamo la funzione dell’aria condizionata. Essa ci serve quando la temperatura esterna è troppo alta o troppo bassa, e possiamo azionarla e regolarla in base alle nostre esigenze, con estrema facilità. Sappiamo bene come usarla, non è vero? Sì, la maggior parte delle persone la usa senza alcun problema. Tuttavia, spesso ci scordiamo di eseguire la corretta e costante manutenzione, che risulta invece importantissima. Quindi, quali sono i consigli da seguire e cosa dovremo sapere riguardo al filtro dell’aria condizionata e al filtro abitacolo? Facciamo chiarezza.

Come funziona l’aria condizionata?

L’aria condizionata funziona in modo simile al frigorifero. Raccoglie l’aria calda all’interno o all’esterno dell’abitacolo tramite un evaporatore che, a contatto con del fluido refrigerante, perde calore. Il fluido, che si forma grazie a un compressore, viene di nuovo spinto nell’abitacolo, dopo essere stato filtrato e vaporizzato. L’uso del compressore è davvero fondamentale in questo ambito. Tra l’altro, più aria calda entra nell’auto, più il compressore deve sforzarsi per proporre aria fresca, con conseguente energia sottratta al motore.

I consigli utili per una buona manutenzione

Per un’ottima manutenzione dell’aria condizionata della nostra auto, possiamo seguire piccoli accorgimenti molto utili. La prima cosa da sapere a riguardo è che l’aria condizionata funziona bene quando presenta un filtro adeguatamente pulito e integro. Pertanto, quest’ultimo si rivela un elemento che non dev’essere trascurato. Questo filtro è formato da vari materiali e ci permette di avere aria filtrata e pulita. Si consiglia di cambiarlo almeno una volta all’anno, soprattutto per evitare la formazione di odori sgradevoli all’interno dell’auto.

Altra cosa da seguire è la modalità “ricircolo”. Questa funzione, che molti tengono attiva pensando di abbassare la temperatura interna dell’auto, aumenta solo la saturazione dell’aria, rendendola meno respirabile.

Inoltre, invece di accendere al massimo l’aria condizionata quando l’auto è completamente surriscaldata, si dovrebbe lasciare porte e finestrini aperti per qualche minuto, prima della partenza. Questo, chiaramente, consente di far circolare più velocemente l’aria. In seguito, si potrà accendere il condizionatore, alzando la temperatura gradualmente ed evitando un inutile sforzo all’impianto di refrigerazione.

La temperatura dell’aria condizionata e non solo

Altro fattore da considerare riguarda l’apertura delle bocchette dell’auto: esse vanno tenute aperte verso l’alto e non verso il viso di conducente e passeggeri. In più, gli esperti consigliano di mantenere una temperatura interna stabile sui 23 gradi.

Infine, anche quando la temperatura esterna non risulta elevata, bisognerebbe tenere acceso il condizionatore almeno per pochi minuti: lo sbalzo termico al mattino è spesso notevole – anche in estate – e quei pochi minuti di accensione possono permetterci di evitare l’appannamento dei vetri.

Miglioriamo la qualità dell’aria che respiriamo in auto

Il filtro dell’aria condizionata e quello abitacolo si rivelano fondamentali per il nostro benessere. Infatti, se tenuti sotto controllo e cambiati al momento giusto, possono favorire una costante ottimizzazione della qualità dell’aria che respiriamo all’interno dell’auto. Ci permettono di ridurre la quantità di allergeni e sostanze tossiche inquinanti, promuovendo la nostra salute, soprattutto a livello respiratorio.

Perciò, oltre a una valida manutenzione, è fondamentale scegliere con cura entrambi i filtri. Con micronAir® blue, il nostro filtro abitacolo, è possibile eliminare praticamente tutti gli allergeni di dimensioni inferiori a 2 micron e proteggersi dai microrganismi più piccoli, come ad esempio le spore dei funghi. Il nostro filtro neutralizza gli allergeni grazie al suo strato BIOfunzionale caratterizzato dalla presenza di estratti di frutta (non contiene biocidi e ioni di argento), trattiene efficacemente gas nocivi e odori sgradevoli, e ripulisce l’aria in modo estremamente accurato.

Insomma, insieme a un buon filtro dell’aria condizionata, micronAir® blue è proprio quello che ci vuole e può davvero fare la differenza per la nostra salute. Non siete d’accordo?