Oggi, è praticamente inconcepibile pensare di potersi spostare in auto nei mesi caldi senza un climatizzatore. Pertanto, da semplice accessorio, l’aria condizionata nell’automobile è divenuta quasi una compagna di viaggio, nonché un’alleata importante persino per i più piccoli spostamenti, e siamo convinti che nessuno possa negare gli indubbi vantaggi del viaggiare al fresco, piuttosto che sotto l’opprimente cappa di caldo presente all’interno dell’abitacolo. Eppure, attenti a non considerare l’aria condizionata in auto priva di difetti o controindicazioni!

Climatizzatori e consigli da non sottovalutare

Probabilmente, conoscete già tutti i più comuni accorgimenti utili per evitare i danni collaterali dei climatizzatori per auto. Tra questi, troviamo certamente i seguenti: non rivolgere mai il getto d’aria direttamente contro il corpo e, soprattutto, non impostare temperature troppo basse. Tra l’altro, quando si tratta di aria condizionata in auto, è importante agevolare il lavoro del dispositivo di raffrescamento, tenendo i finestrini abbassati per i primi minuti di viaggio. Facendo così, si potrà far uscire gran parte dell’aria calda presente all’interno dell’auto. Ad ogni modo, tutto ciò potrebbe non essere sufficiente.

Il difetto principale da tenere in considerazione riguarda la pulizia dei filtri dell’aria: per quanto possa essere nuova e accessoriata la vostra automobile, i filtri dell’aria si sporcano con facilità ed estrema velocità. Inoltre, il passaggio di aria dall’esterno verso l’interno comporta l’ingresso dello sporco e di numerosi elementi da non sottovalutare, che non sempre i filtri dell’auto riescono a bloccare.

In poche parole, più utilizzerete l’aria condizionata in auto a vostro beneficio, più sarà facile respirare anche polline, polvere, acari, batteri, etc. Questo può provocare malesseri, starnuti, mal di testa, allergie e, pertanto, notevoli fastidi alla guida che, a lungo andare, soprattutto se i filtri non vengono puliti o sostituiti, aumenteranno sempre più.

Quindi, l’aria condizionata in auto è dannosa?

Diciamo di no: l’aria condizionata in auto può essere dannosa solo in determinate condizioni e se usata eccessivamente e/o in modo sbagliato. Gli accorgimenti sopra elencati, insieme alla pulizia dei filtri, si concretizzano in un primo passo utile per evitare notevoli effetti indesiderati. Sarà una buona soluzione persino non abusare dell’aria condizionata, ad esempio nelle più fresche ore serali e notturne.

Un altro passo da eseguire è di sicuro un’adeguata e periodica manutenzione degli impianti dell’aria condizionata, sia quella più superficiale che potete eseguire da soli nel garage di casa, sia quella più approfondita, che però può eseguire solo un tecnico specializzato.

In alternativa, sappiate che fare affidamento su un filtro abitacolo affidabile può sicuramente aiutarvi a risolvere e prevenire numerosi problemi. Il filtro micronAir® blue, dotato di una struttura a quattro strati, è molto efficace nel bloccare allergeni e, soprattutto, le polveri sottili (fino a 2 micron), ovvero le più pericolose per le nostre vie respiratorie. Nello specifico, è in grado di eliminare quasi al 100% le polveri sottili e gli allergeni. In più, grazie alla sua particolare struttura filtrante, protegge da un gran numero di microrganismi e migliora notevolmente la qualità dell’aria presente nell’abitacolo. Pertanto, aria condizionata in auto sì… ma nel modo giusto!