Starnuti, tosse, occhi rossi e generale senso di malessere. I sintomi dell’allergia ai pollini sono una vera piaga. Naso che cola, bruciore alla gola, difficoltà a respirare diventano temibili compagni della quotidianità tramutandosi in un’esperienza d’inferno. A volte questi sintomi peggiorano soprattutto quando si è seduti nella propria automobile, incolonnati nel traffico o durante un lungo viaggio. Ma come mai le persone allergiche soffrono di più proprio mentre sono alla guida della propria autovettura? La risposta è molto semplice: evidentemente i filtri della ventilazione dell’abitacolo non sono di buona qualità o è necessaria una manutenzione lasciando intrufolare all’interno dell‘abitacolo una quantità di pollini molto alta che non ha via di fuga e rimane imprigionata ad altissima concentrazione in poco spazio.
Ad ogni boccata d’aria le vie respiratorie si riempiono di piccole particelle di polline facendo andare in tilt le alte vie respiratorie (naso e trachea). Frammenti di pollini e altri agenti allergenici, di dimensioni più piccole, possono entrare in profondità nei polmoni e nei bronchi.

I pollini aleggiano in auto, si concentrano nell’abitacolo rendendo l’ambiente della propria autovettura un ginepraio di agenti allergeni, un ambiente terribilmente malsano. Se in auto si soffre più che all’aria aperta il colpevole è facilmente individuabile: il filtro di aerazione dell’auto, che dovrebbe trattenere le particelle nefaste per la salute degli individui predisposti, non funziona bene, facendo aumentare a dismisura gli allergeni nell’abitacolo dell’automobile. Inoltre la sicurezza stessa del guidatore allergico e dei suoi eventuali passeggeri è a rischio. Durante gli starnuti la vettura è fuori controllo e potrebbe uscire di strada: ad una velocità di 80 km/ora uno starnuto corrisponde a 25 metri di guida cieca, senza controllo dell’autovettura.
In questi casi è fondamentale pensare di effettuare una manutenzione periodica ai filtri della propria vettura e, se necessario, cambiare del tutto la barriera che tiene lontani i pollini dall’abitacolo dell’automobile. La manutenzione periodica e la pulizia puntuale dei filtri migliora all’istante la qualità di vita delle persone allergiche costrette a rimanere in auto per lungo tempo. Affidarsi a un filtro abitacolo micronAir® migliora la propria esperienza di guida, la qualità generale della propria salute, la sicurezza al volante.

Le fioriture abbracciano praticamente tutto l’arco dell’anno, ogni mese ha le sue peculiari impollinazioni e le persone sensibili ne soffrono terribilmente. Il problema nel corso degli anni è diventato sempre più impellente, si calcola che almeno 1 italiano su 3 soffra di sintomi legati ad allergie a volte anche invalidanti. Nel prossimo futuro non si prevede alcun miglioramento, le allergie si diffonderanno talmente tanto da diventare una delle principali fonti di preoccupazione per il sistema sanitario nazionale. Costruire solide barriere tra gli allergeni e le vie respiratorie di chi guida, ma anche dei passeggeri, risulta essere sempre più importante, in particolar modo per i bambini che passano molto tempo in auto che, se non adeguatamente protetti da filtri abitacolo funzionanti e soprattutto di alta qualità, subiscono le peggiori conseguenze dell’azione degli allergeni.